LA RICEVUTA GENERICA: cos'è, come compilarla e perché farla se vendi creazioni artigianali

Se vendi creazioni fatte a mano, è caldamente consigliato consegnare al cliente una ricevuta generica non fiscale che attesta l'effettiva vendita e l'ammontare del guadagno. In questo articolo capiamo che cos'è una ricevuta generica, come si compila e il suo ruolo.


COS'E' LA RICEVUTA GENERICA NON FISCALE

La ricevuta è un documento che viene consegnato al cliente dopo una vendita. E' diversa dallo scontrino o da una ricevuta fiscale perché i creativi che non hanno partita iva non sono obbligati ad emettere documenti fiscali. Diversi commercialisti consigliano di fornire sempre una ricevuta non fiscale al termine della vendita di ogni creazione perché è una tutela in più in caso di controlli. 

I creativi che vendono creazioni artigianali online o nei mercatini devono mantenere il loro guadagno annuale entro le 5000 euro lorde. Fare la ricevuta vi darà i seguenti vantaggi:
  • avete il vostro rendiconto delle entrate
  • avete un documento ufficiale che vi garantisce che le vostre entrate non superano le fatidiche 5000 euro: in caso di controlli, come fate a comprovare le entrate?
  • è una prova di serietà e professionalità per il cliente
  • è una prova della vendita che è avvenuta e siete più tutelati in caso di contestazioni
  • se hai un lavoro e devi fare la dichiarazione dei redditi, le ricevute delle vendite devono essere dichiarate e presentate in caso vengano richieste
COME SI COMPILA LA RICEVUTA NON FISCALE

Il blocchetto delle ricevute è stampato su carta copiativa quindi è composto dalla ricevuta che compilate, strappate e date al cliente e la ricevuta (sotto la copia originale) che invece rimane a voi e si autocompila quando compilate la ricevuta originale.

Consigli di compilazione:
  1. 1) nella parte in alto a destra bisogna inserire il numero della ricevuta (solitamente scritta con numero e anno, ad esempio 1/2017) e la data di emissione della ricevuta
  2. 2) Segnare l'importo dell'ordine in euro (ad esempio 15€)
  3. 3) Nella sezione "ricevuti da" bisogna mettere il nome e cognome del cliente
  4. 4) Inserire in questa riga il totale dell'ordine in lettere (se erano 15€ scrivere quindici)
  5. 5) nella sezione "per" inserite l'acquisto fatto (ad esempio "acquisto di 3 paia di orecchini")
  6. 6) Firmate la ricevuta
  7. 7) Il bollo potrebbe non essere necessario
  8. 8) in questo spazio bianco (solitamente in alto viene scritto "timbro" ma se non indicato c'è sempre uno spazio bianco) dovete inserire i vostri dati, soprattutto il nome, cognome e codice fiscale.

L'immagine che ho scannerizzato è solo una delle diverse tipologie di ricevute non fiscali. Tutti gli 8 elementi riportati devono SEMPRE essere presenti, ma possono essere ordinati diversamente in base alla marca del blocchetto
DOVE ACQUISTARE I BLOCCHETTI

I blocchetti si possono acquistare presso rivenditori ufficiali Buffetti o a volte anche in piccoli negozi tutto a un euro. 


SE AVETE DUBBI CONSULTATE SEMPRE UN COMMERCIALISTA. 
Il presente articolo non si sostituisce ad una consulenza con un esperto, ma semplicemente vi aiuta nella compilazione del documento :) 

Post più popolari

COME AMMORBIDIRE PANETTI DI PASTA POLIMERICA VECCHI, DURI e che si SBRICIOLANO : i prodotti e le tecniche consigliate

COME SCRIVERE SUL FIMO - tutti i metodi e le tecniche per scrivere sulle paste polimeriche

COME LUCIDARE LE CREAZIONI IN FIMO: tutti i metodi consigliati e non consigliati per lucidare le paste polimeriche

LA COTTURA DEL FIMO: come si cuoce il fimo

Ricetta della pasta di mais - porcellana fredda senza cottura

TUTTO SUL FIMO- Primi passi con il Fimo: cos'è e come si usa

COME INCOLLO IL FIMO A TUTTE LE SUPERFICI

COSA PUO' CUOCERE INSIEME AL FIMO? Tutto quello che puoi e non puoi mettere in forno quando realizzi creazioni

COME CONSERVARE I PANETTI DI PASTA POLIMERICA APERTI: tutti i metodi consigliati e non consigliati