LE 10 COSE CHE DEVI SAPERE SE LAVORI IL FIMO


Sei alle prime armi e non sai assolutamente niente di fimo e paste polimeriche, ma ti piacerebbe imparare? Prenditi 5 minuti per leggere le 10 cose che devi sapere se vuoi iniziare a lavorare le paste polimeriche o se già le usi, mettiti alla prova e vedi quante ne sai

1. COS'E' IL FIMO
Il Fimo è  una pasta modellabile con le mani e altri strumenti che si indurisce con la cottura in forno. Viene utilizzata in tutto il mondo per realizzare bigiotteria di ogni genere e decorazioni per la casa. Esiste in tantissime varianti (tantissimi colori, con i glitter, perlati ecc) e ci sono tantissime marche. Il "Fimo" è infatti un prodotto della marca Staedler, ma esistono altre marche come Sculpey, To-Do, Kato, Cenit ecc. In generale se non si fanno riferimenti a marche specifiche questa pasta viene chiamata pasta polimerica. Vuoi approfondire questo punto? Leggi QUI

2. COME SI LAVORA IL FIMO
Lo strumento principale di lavorazione del fimo sono le vostre mani! Quando estratta dalla confezione la pasta è leggermente dura, attraverso il condizionamento (e quindi impastandola tra le mani) la pasta si scalderà e inizierà ad essere più malleabile pronta per realizzare qualsiasi cosa. Il fimo si lavora poi con tantissimi attrezzi alcuni più casalinghi, altri più professionali. Scopri tutti (ma proprio tutti) gli strumenti per lavorare il fimo QUI

3. COME SI CUOCE IL FIMO
Le paste polimeriche si cuociono in forno (ad eccezione delle paste "Air" o che asciugano all'aria). Potete cuocere nel forno di casa o se non vi piace potete acquistare un fornetto da scrivania apposito. Non scegliete altri metodi di cottura, la cottura più efficace e funzionale si fa solo e soltanto in forno ad una temperatura costante e controllata con termometro da forno a massimo 130 gradi per minimo 30 minuti. E' possibile fare più cotture e cotture più lunghe di 30 minuti, l'importante che non si superino i 130 gradi.  Queste regole valgono per tutte le creazioni da quelle piccolissime e sottilissime a quelle grandi. Inoltre il fimo non è tossico a meno che non venga bruciato (superati i 130 gradi).

Vuoi approfondire il tema della cottura? Eccoti l'articolo specifico QUI

4. DOVE ACQUISTARE IL FIMO
E' possibile acquistare i panetti di fimo in qualsiasi negozio di fai da te (Brico, Leroy Merlin ecc) oppure online a prezzi più vantaggiosi. L'elenco di tutti i venditori di paste polimeriche e accessori online o nella tua città lo trovi QUI

5. COME ORGANIZZARLO, SISTEMARLO E CONSERVARLO
Organizzare la propria postazione creativa è fondamentale quando abbiamo acquistato i primi panetti e i primi strumenti. Tenere in ordine i panetti (specialmente quelli aperti) e gli strumenti (specialmente quelli a lama come bisturi e lama flessibile) può essere fatto in modo veloce ed economico con scatole o cassettoni. Il piano di lavoro dove andremo a lavorare la pasta deve essere in vetro (ad esempio il vetro di una cornice) o una qualsiasi superficie liscia, che non si rovina e facilmente lavabile con acqua e prodotti sgrassanti.
-L'articolo su come conservare i panetti aperti lo trovi QUI
-L'articolo sulla postazione creativa e le foto esemplificative sono tutte QUI

6. COME IMPARARE A FARE NUOVE CREAZIONI E APPROFONDIRE NUOVE TECNICHE
Dopo aver pasticciato e impiastrato un po' con le proprie idee viene sempre voglia di sperimentare tecniche nuove e conoscere sempre di più i segreti di queste paste e i suoi mille usi. Ci sono davvero tantissimi modi per imparare: vedere video su You Tube è un modo gratuito e comodo di imparare tantissime cose (attenzione però che molti video sono pieni di informazioni sbagliate) scegliete sempre canali validi e di ragazze preparate. Altrimenti acquistate libri (QUI l'elenco di tutti i titoli più utili), seguite corsi nella vostra città e se avete facebook iscrivetevi al nostro gruppo TUTTO SUL FIMO anche per chiedere consigli e confrontarvi con tutte noi.

Prendi poi spunto da altre creative. Attenzione però mai copiare a meno che non abbiate il permesso.  Ispirarsi ed esercitarsi guardando le creazioni di altre creative va benissimo, ma se vendete quello che fate non dovete copiare! So che per alcune essere copiate è motivo di orgoglio e prova della propria bravura, ma non per tutti e così e se beccate quello che la pensa diversamente da voi potrebbe farlo arrabbiare ( o peggio, se ha il copyright, passare per vie legali e denunciarvi).

7. COSA NON FARE CON IL FIMO 
Dopo l'elenco delle mille cose da fare con il fimo è bene sottolineare anche quello da non fare assolutamente! 

  • Non ingerire e fare attenzione nel momento in cui viene utilizzato dai bambini o se lavorate in presenza di animali domestici. 
  • La cottura deve essere fatta solo in forno e assolutamente mai nel microonde, come indicato sulla confezione, a meno che non si tratti del fimo microwave (ed è indicato sul panetto)
  • non mescolate il fimo ad altre sostanze diverse da prodotti appositi. Alcune creative mescolano il fimo indurito con olio, creme e acqua e molto spesso capita che queste sostanze rovinano al composizione della pasta e la rendono più fragile, rovinando le creazioni. Usate solo prodotti appositi come fimo liquido e mix quick 
  • non lasciarlo aperto all'aria per tanto tempo. Anche se il fimo non asciuga all'aria, se lasciate il panetto aperto tanto tempo oltre a riempirsi di polvere tenderà a diventare via via più duro e difficile da lavorare
  • non lavorare in luoghi polverosi o pieni di pelucchi. La pasta si sporca molto facilmente (specialmente i colori chiari soprattutto il tremendo bianco) scegli di lavorare in luoghi illuminati naturalmente e puliti. I consigli sulla pulizia li trovi QUI
  • non esporlo a fonti di calore eccessivamente alte come fiamme vive o forni con temperature eccessivamente alte: il fimo se viene bruciato emana fumi tossici (come la plastica) ed è pericoloso per la vostra salute 
8. COME FARSI CONOSCERE 
Se  hai voglia di far conoscere e mostrare le tue creazioni per chiedere pareri e consigli oppure di conoscere altre creative appassionate del mondo delle paste polimeriche, ti basta frequentare corsi oppure prendere parte a gruppi online sul tema (soprattutto su facebook) sempre pieni di consigli e di voglia di stare insieme

9. COME VENDERE LE PROPRIE CREAZIONI
Vendere le proprie creazioni è l'aspirazione di molte, ma non di tutte. Se desiderate ripagarvi il materiale o mettere via qualche soldino per pagare corsi, pagare nuovi strumenti o semplicemente per guadagnare qualcosa, il mondo del fatto a mano ha le porte aperte. Prima di cimentarsi nella vendita delle proprie creazioni è importante fare molta pratica, informarsi sulle questioni fiscali a cui tutte coloro che vendono anche occasionalmente sono soggette  ( QUI l'articolo sul tema) e conoscere tutte le opportunità gratis e a pagamento per vendere le proprie creazioni online e non solo ( QUI preziose info sul tema)

10. DIVERTITI E NON PERDERE LA VOGLIA DI CREARE: Le 3 P
Ultimo punto, ma non meno importante, dopo tutto questo elenco di informazioni è importante ricordare che lavorare questo materiale deve essere prima di tutto un divertimento e una nuova passione che potrebbe sbocciare. Se ci si pone obiettivi troppo grandi oppure si lavora solo e soltanto perché "lavorare il fimo fa guadagnare tanti soldi" la strada è breve e piena di buche. Inoltre non è detto che se tutti creano dolcetti e bamboline lo devi fare anche tu, magari puoi anche non essere portata per questi ambiti, ma essere più portata per realizzare bigiotteria o altre decorazioni. Non seguire la massa, trova la tua strada. La versatilità immensa di questo materiale lo rende perfetto per qualsiasi utilizzo quindi sii curiosa e ricerca il tuo ambito. 

Il blocco del creativo e i momenti di no ci sono sempre ed è importante parlarne: tutti bene o male (in qualsiasi ambito artistico) hanno avvertito periodi di sconforto e di poca voglia di creare; l'importante però è ritornare al motivo principale per cui uno crea e ricordare a se stessi che si tratta di una fonte di relax e di sfogo, un posto tutto personale dove ritrovare conforto e pensare.

Quando lavori le paste polimeriche non dimenticare le 3 P: pazienza, pratica e passione!

Adesso tutte a lavorare :) Buona creatività!

Post più popolari

LA COTTURA DELLE PASTE POLIMERICHE: come si cuoce il fimo e le altre paste polimeriche

LA RICEVUTA GENERICA: cos'è, come compilarla e perché farla se vendi creazioni artigianali

TUTTO SUL FIMO- Primi passi con il Fimo: cos'è e come si usa

Ricetta della pasta di mais - porcellana fredda senza cottura

COME INCOLLO IL FIMO A TUTTE LE SUPERFICI

QUAL E' LA PASTA POLIMERICA MIGLIORE?: confronto tra i tipi di paste modellabili

COME SCRIVERE SUL FIMO - tutti i metodi e le tecniche per scrivere sulle paste polimeriche

FORNO PER IL FIMO: quale comprare, quali caratteristiche e come usarlo

TUTTO SUL FIMO: Come dare i prezzi alle proprie creazioni

COSA PUO' CUOCERE INSIEME AL FIMO? Tutto quello che puoi e non puoi mettere in forno quando realizzi creazioni